Premi "Invio" per passare al contenuto

Come il Moscow International Film Festival sta tenendo un’edizione fisica con ospiti internazionali

Il Moscow International Film Festival (MIFF) sta accogliendo cinefili russi, registi e dirigenti dell’industria in persona questa settimana per quello che è uno dei primi eventi europei (quasi) completamente fisici che si svolge durante la pandemia.

La 43esima edizione del festival cinematografico di Mosca è in corso dal 22 al 29 aprile. Il festival mira a fornire una piattaforma per i film internazionali nel mercato russo e a portare i film russi all’attenzione internazionale. Ci sono due competizioni internazionali principali – per lungometraggi e documentari.

Lavorando a stretto contatto con il presidente del comitato di selezione Andrey Plakhov e anche con il presidente del MIFF Nikita Mikhalkov, il direttore del programma del festival Kirill Razlogov e il team dell’evento hanno lavorato duramente per assicurare che il festival vada avanti interamente nei cinema. I cinema di Mosca sono ora aperti con le misure Covid in atto.

“La sfida principale è stata quella di portare la gente a Mosca, non c’è stata alcuna sfida nel procurarsi i film”, dice Razlogov parlando del festival in un periodo di limitati viaggi internazionali. “La promessa di Mosca di un’esperienza cinematografica per i film ha aumentato il nostro fascino”.

Il festival sta anche ospitando proiezioni online ed eventi per quei registi che non possono superare i divieti di viaggio o i requisiti di quarantena.

Proiezioni socialmente differenziate hanno luogo al centro principale del festival, il centro cinematografico Oktyabr, e in altre sedi del festival, tra cui uno dei cinema più famosi di Mosca, il Teatro dell’Arte (Khudozhestvenny) in Piazza Arbat, recentemente rinnovato. Al pubblico è richiesto di indossare maschere e guanti e le sale di proiezione saranno al 50% della capacità.

Il festival di quest’anno si apre con la prima mondiale del thriller Devyataev di Timur Bekmambetov e Sergey Trofimov, basato sulla vera storia di un pilota di caccia dell’Unione Sovietica Mikhail Devyataev catturato dai nazisti nel 1944. Trofimov è il direttore della fotografia abituale dei film di Bekmambetov.

Il film di chiusura è la prima europea di The Cafe Of My Memories del finlandese Valto Baltzar. La coproduzione Francia-Finlandia racconta la storia d’amore tra un operaio finlandese e un’insegnante francese che arriva a Helsinki per lavoro. Razlogov si aspetta la presenza di Trofimov e prevede di invitare rappresentanti dell’ambasciata francese e varie istituzioni culturali francesi a Mosca.

Ci sono 14 titoli nella sezione principale del concorso del festival, di cui quasi la metà sono prime mondiali: The Belly Of The Sea di Agustí Villaronga, Last Dear Bulgaria di Aleksey Fedorchenko, A Blue Flower di Zrinko Ogresta, Man Of God di Yelena Popovic, Blue Heart del cubano Miguel Coyula e The Son dell’iraniano Noushin Meraji.

Anche se il festival stima che solo il 40% del solito numero di ospiti internazionali potrà partecipare all’edizione di quest’anno, essi includono un buon numero di cineasti del concorso principale con Popovic, Villaronga e Meraji tra loro.

“Abbiamo ricevuto un permesso speciale dal Ministero degli Affari Esteri per invitare i registi, se i loro paesi permettono loro di viaggiare a Mosca”, dice Razlogov. La Russia non richiede a nessun visitatore internazionale la quarantena, a meno che non siano cittadini britannici o arrivino dal Regno Unito.

La giuria del concorso è presieduta dal regista filippino Brilliante Mendoza con membri della giuria l’attore/produttore serbo-russo Milos Bikovic, il regista brasiliano Karim Ainouz, il compositore russo Yuri Poteenko e la regista cinematografica e televisiva russa Nigina Sayfulaeva. Tutti guarderanno i film di persona a Mosca.

“Il Moscow film destival fa quello che ha sempre fatto: Mostrare film che sono difficili da vedere [per il pubblico russo]”, dice Razlogov.

Egli indica l’orso d’oro della Berlinale Bad Luck Banging Or Loony Porn di Radu Jude, che viene proiettato nel filone Missing Pictures. Parla di una donna che soffre quando un filmino personale viene diffuso su Internet. Il soggetto sta causando qualche grattacapo al team di selezione di Mosca con i censori russi.

“Ci vanno giù pesante con i film dal contenuto linguistico esplicito”, spiega Razlogov. Tuttavia, il festival è in grado di approfittare di una deroga speciale da parte della censura per i festival cinematografici in Russia. “Siamo autorizzati a mostrare il film senza un permesso di censura. Ma le parole sporche sono proibite dalla legge in Russia. Lo mostreremo nel miglior modo possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.